HatE

“To Hate the human condition”

Terrore, stati di paura distillata in purezza. Attivano tutti i ricettori e s’amplificano in lunghi momenti di stasi.
Tutto, nell’intorno, è decadenza a milioni di watt. Il pensiero? Un incoerente flusso memetico. Un’atroce visione serpeggiante, viva, vivida.
Ne sono il suo nutrimento e svago. Ne sono il simbolo fallico e l’inconsapevole schiavo. Nell’atroce io esito, come dimensione univoca e prospettiva inconcludente.

Lancia d’acciaio, brillante d’odio, trapassa senza dubbio[ _OGNI_ dubbio ] nello sfrecciare a velocità luce.
Inarrestabile e spietata nel freddo biomeccanico:
brucia, ME! uccidi, ME!

“Hate_Me, please”

 

Hate by whyaskwhy 

©2005-2008 ~whyaskwhy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.