Beileid [Condoglianze]

La città è marcita. E dalle pareti rugginose trasuda fuliggine liquefatta che s’addensa in corpi mutilati; senz’occhi o privi di braccia. Claudicanti, incespicano nel richiamare l’attenzione dispersa in pozze di bava NERA traslucida. Tutto urla di morte e decadimento. E la cenere cade, come lacrime dal cielo, in minuscoli petali bianchi; movimenti accennati piccoli sussulti respiri affanosi. L’Amore è Orrore decuplicato e per la sua Fine non esistono condoglianze.
[Bkg track: Bohren & Der Club of Gore- Beileid]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.