BlinD

“Nessuno ha il diritto di rubarmi l’anima, nessuno ha il diritto di comprimermi e gettarmi come un pacchetto di sigarette… le mie sigarette non sono mai spente.”

Sempre setose le anime dei mortali che m’avvinghiano in una dimensione fin troppo terrena, causano rigetto.
In queste strade termino il mio passaggio come una scarica statica nel microchip dell’universo intero.
Ne fuggo, pur facendone parte. Ne maledico, pur vivendone l’attimo e la [ben poco] maestosa vitalità.
Residui bellici antropomorfi e dettami non assimilati cospargono nell’interezza l’orizzonte che mi circonda.
Vistosi piumaggi elementali crollando deflagranti al mio cospetto, nella mia mano corteccia vegetale e cerebrale.
Al mio stringere e fare forza la mente ne viene zippata e la cosapevolezza annichilita.
Versate lacrime di dolore perchè la lama del mio spirito affetterà senza tregua bocche…
….e la stoltezza delle parole ne sarà consumata: tutta. In un’aria dal divenire infuocato.

# ora-la-mente-brancola-nel-buio #

Un commento su “BlinD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: