Comfort Zone

Eccomi… una mattina presto. Una mattina ‘storta’ quanto molte altre ce ne sono già state e molte altre ce ne saranno.
Il sole fa capolino da prima delle sette del mattino in questo febbraio che potrebbe essere un aprile anticipato.
Boh.. a me fa un po’ schifo…e non voglio parlare di meteo.
Muovermi con il buio mi piace perchè rende tutto più silenzioso. L’oscurità non attenua tutti i rumori della giornata?
Datemi dell’idiota ma io la vedo così.
Quindi… il sole già prima delle sette del mattino è una rottura.

Il prosieguo è, poi, sempre il medesimo e _quasi_ sempre ben scandito da tempistiche sincronizzate.
Oggi stranamente la bolla spazio tempo a velocità contraria era più abitata del solito: tre auto dai finestrini specchiati (l’oscurità palesa) ad incrociare i miei finestrini specchiati.

Successivamente: monitor – login – password – accesso.
Sempre, solo, gli stessi movimenti e nessuna sensazione ulteriore degna di essere considerata.
Una comfort zone nella quale morire in comoda anestesia.

Un commento su “Comfort Zone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.