Istantanee I

Un viaggio verso il luogo nel quale i morti respirano, attraversando popoli che non hanno piú vita. Incertezza e paura nell’incedere lento e malfermo. Sole pallido privo di volontà, il suo fuoco (il fuoco) non[…]

Continua a leggere …

Forcing Rest.

Dopo due mesi di dispendio energetico al 110% fisico e mente chiedono una pausa. La rabbia nucleare non si è ancora sopita, e mai lo farà, ed il napalm scorre nelle vene incontrollato, furioso. Essere[…]

Continua a leggere …

GUT

Cammino tra corridoi poco rischiarati da neon tremolanti di gas esausto. Lungo budello dell’animale di cemento, inframmezzato da spiragli di luce arancione. Segni di civiltà apparente dietro a porte socchiuse. Ci sono stanzette, piccoli antri: celle[…]

Continua a leggere …

..:: Costanti giornaliere ::..

Camminare, ombra tra le ombre. Lupo famelico nella nebbia d’Avalon che tutto sfoca e distorce. Rapido nell’osservare, calcolare, parametrizzare. Un animale logico perennemente ai margini del baratro senza fondo. Immerso tra pulsioni ancestrali proprie dei millenni[…]

Continua a leggere …

DeadLift – Parasite Evil

[le unità di misura sono espresse in kg] L’altra sera sono stati 105. Non 120 ma 105. A 120 manca poco ma ieri sera il malefico bilanciere era più leggero del solito. Ho controllato non[…]

Continua a leggere …
We have Knives

Dis-continuity

Servono lame perché la gente è una merda [premessa]. Servono armi di distruzione di massa per aumentare la percentuale d’ossigeno disponibile ai pochi [enunciato]. Appare chiaro che la convivenza è divenuta oltremodo problematica se non[…]

Continua a leggere …

Riflessioni osmotiche

I nomi sono come le maledizioni. Vengono scagliati contro senza possibilitá di scelta ed appello quando le sinapsi sono idee confuse tra le mani del Demiurgo. Sono il soffio scarlatto per divinitá giocatrici d’azzardo con[…]

Continua a leggere …